Reclining Twist

Reclining Twist

reclining twist

Benefici

  • Praticare le torsioni alla fine della sessione aiuta a ripristinare l’equilibrio del sistema nervoso e rilasciare eventuali tensioni a livello spinale
  • Portando le ginocchia alte verso il petto durante la torsione può alleviare i sintomi del nervo sciatico infiammato
  • Massaggia lo stomaco e aiuta con la gastrite

Controindicazioni

  • Se si soffre di problematiche alle spalle, come danni ai muscoli rotatori della cuffia, o si è sensibili a sensazioni di formicolio nelle mani è meglio non lasciare il braccio penzolare nel vuoto ma dargli un supporto appoggiandolo su un cuscino o su un bolster. Se il formicolio permane è possibile abbassare il braccio o portare la mano sulle costole.

Come entrare in posizione

  • Partendo dalla posizione sdraiata si portano entrambe le ginocchia al petto, si aprono le braccia lateralmente a terra come fossero delle ali e si portano le ginocchia a terra cominciando dal lato sinistro (torsione del busto verso destra).

Alternative

  • Portando il ginocchio più in su o più in giù nella posizione influisce sulla parte della colonna in cui si sente maggiormente la torsione. Più in su si portano le ginocchia più la zona della colonna coinvolta si avvicina alla testa.
  • Si piega un ginocchio mentre si mantiene l’altra gamba distesa. Con il braccio opposto lo si porta a terra in torsione
  • Si porta la pianta di un piede sulla coscia opposta e aiutandosi con la mano opposta si procede con la torsione portando il ginocchio flesso a terra sul lato opposto
  • Si porta una coscia sopra l’altra a contatto intrecciando le gambe e si porta il ginocchio che sta sopra verso terra sul lato opposto
  • Come nella versione precedente ma intrecciando anche le caviglie (gambe in garudasana)
  • Ci sono varianti in cui non si flette il ginocchio ma si distende una gamba verso l’alto e con l’aiuto della cinghia, mantenuta dalla mano opposta, si porta il piede a terra sul lato della mano che tiene la cinghia. In questo modo si aggiunge alla torsione anche l’allungamento ai muscoli ischiocrurali. Questa posizione è generalmente fatta in sequenza e preceduta dall’apertura della gamba (supta utthita padangusthasana e supta parivrtta padangustasana)

Come uscire dalla posizione

  • Lentamente si ritorna in posizione centrale con le ginocchia abbracciate al petto prima di distenderle nuovamente a terra e riallinearsi al tappetino

Controposizioni

  • Windshield Wipers
  • Generalmente fatta su entrambi i lati le torsioni si bilanciano l’una con la sua opposta

Meridiani

  • Vescica
  • Se si sente l’allungamento nel braccio vengono stimolati i meridiani di cuore, polmoni, intestino crasso e tenue
  • Le torsioni massaggiano lo stomaco e gli organi interni (Fegato, Milza Pancreas Stomaco)…
  • Attraverso la gabbia toracica si stimola il meridiano della cistifellea

Articolazioni

  • Spalle e spina dorsale alta
  • Se le cosce sono poco flesse le ginocchia non così vicine dal torace allora si stimola di più la parte bassa della spina dorsale

Tempo

  • 3-5 minuti

Altri consigli

  • E’ simile a Jatharaparivartasana
  • E’ solitamente seguita da Shavasana
  • Se compare del formicolio basta spostare le mani più in basso e il sangue riprende a scorrere più facilmente nei tessuti allungati ed eventuali nervi non vengono danneggiati
  • Aiuta a ruotare internamente le anche che è un toccasana dopo posizione in cui le abbiamo ruotate esternamente come Shoelace, Swan, Square, Winged Dragon pose…
  • Non dobbiamo tirare il corpo in posizione ma lasciarlo alla gravità, arrendersi alla posizione rilassandosi il più possibile
  • Aiuta molto nella fase di rilassamento lavorare col respiro in bahya Kumbhaka ma senza entrare in affanno. I tempi di sospensione devono essere mantenuti a piacere e in modo del tutto naturale.

 

Arjavam Yoga Trento – Corsi di Yin Yoga

Vieni a trovarci nella nostra pagina facebook

Contatto Facebook

o direttamente in palestra

Apri Gmap e vedi dove siamo

scopri di più su di noi

Il sistema Arjavam Yoga Trento

Yoga planet

MASTER FORMAZIONE YIN YOGA – YOGA PLANET

Yoga Planet – formazione insegnanti yoga

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.